Conto Corrente in Valuta Estera: Come si Apre? Conviene davvero?

In tutti i momenti di crisi, ma non solo, può sempre balenare in mente l’idea di aprire un conto in valuta estera per gli ovvi motivi di protezione delle proprie finanze. Anche quelli che corrono sembrano essere tempi turbolenti per l’Euro, che viene messo in discussione da più parti, proprio perché c’è ancora il sentore che vi sia in atto una crisi.

Ma aprire un conto in valuta estera può convenire davvero? Può essere la soluzione per risolvere i problemi finanziari e mettersi al riparo dai rischi insiti nella crisi? Sebbene la nostra moneta sia molto più sicura e stabile di quanto pensino i suoi abituali detrattori, potrebbe comunque essere una buona idea mettere da parte del denaro come forma di investimento. Continua a leggere Conto Corrente in Valuta Estera: Come si Apre? Conviene davvero?

Conto Corrente in Comunione dei Beni

Chi cerca informazioni su conto corrente e comunione dei beni, molto spesso lo fa perchè vede guai in vista per il proprio matrimonio e nella propria unione. Con lo scioglimento della comunione, infatti, si dividono non solo i beni della stessa, ma anche il saldo del proprio conto corrente personale. 

La legge italiana prevede che al momento del matrimonio entri in vigore proprio questo regime patrimoniale particolare tra i coniugi, detto comunione legale dei beni. La comunione dei beni non è qualcosa che si sceglie perchè entra in vigore automaticamente al momento del fatidico “Si”. Continua a leggere Conto Corrente in Comunione dei Beni

Come aprire un conto corrente in svizzera

La proverbiale sicurezza delle banche elvetiche e le interessanti tabelle di riferimento dei tassi di interesse applicati sulle somme depositate sono alcuni dei fattori che spingono molte persone a cercare informazioni su come aprire un conto corrente in Svizzera; cerchiamo di capire se si tratta di un’operazione lecita e scopriamo i vari passaggi da mettere in pratica per portare a termine l’apertura del conto. Continua a leggere Come aprire un conto corrente in svizzera

Conto online gratis a confronto

Nel corso degli ultimi anni abbiamo assistito ad una vera e propria evoluzione dei conti correnti: fino a non molto tempo fa con il classico strumento era possibile fare solo un numero limitato di operazioni e il tutto aveva dei costi abbastanza rilevanti, mentre ora (grazie al web e alla possibilità di accedere ad un maggior numero di alternative) è possibile fare un confronto per individuare qual è il miglior conto online gratis.

Cos’è un conto online gratis?

Bisogna fare sempre molta attenzione quando si sente parlare di conto online gratis per capire cosa c’è di davvero gratuito o se c’è qualche costo o qualche spesa nascosta. Per fare questa analisi è possibile girare tra i vari siti degli istituti di credito e cercare l’indicatore sintetico di costo di ogni prodotto, oppure è possibile sfruttare uno dei tanti siti comparatori che permettono di fare un confronto immediato tra i diversi conti online. Di norma la definizione conto online gratis viene utilizzata per quei conti che non prevedono costi fissi (quindi nessun canone annuo) e costi operativi (bonifici e prelievi gratuiti), ma il cliente dovrebbe cercare di approfondire un po’: in alcuni casi i prodotti a zero spese offrono dei servizi minori e se non si fa attenzione si rischia di trovarsi con un conto che è sì gratuito, ma che non permette di svolgere tutte le operazioni che si vorrebbe eseguire.

Il confronto per scegliere il prodotto migliore

Quindi prima di scegliere bisogna confrontare i servizi offerti: ogni risparmiatore ha le sue necessità (ovviamente un giovane che apre il suo primo conto online gratis avrà esigenze differenti rispetto ad un’azienda) e dovrebbe optare per un conto che mette a disposizione tutti i servizi e gli strumenti adatti al proprio profilo. Giusto per fare qualche esempio, il consumatore dovrebbe chiedersi: “questo conto mi permette di usufruire del bancomat?” oppure “è previsto l’home banking?” o “il conto mi permette di fare trading online?” e così via. Una volta che sono stati individuati i conti online gratis che non presentano costi nascosti e che mettono a disposizione i servizi che ci servono è possibile fare un ulteriore confronto paragonando i rendimenti. In altre parole bisogna cercare di individuare il conto corrente che garantisce i tassi di interesse attivi più alti (ovviamente tenendo conto anche degli interessi passivi).

È interessante anche il fatto che le varie banche per attirare l’attenzione dei possibili clienti offrono a chi apre un conto online gratis con loro un’offerta particolare (c’è ad esempio Hello Bank! che propone un buono sconto da utilizzare su Amazon o Widiba che offre un tasso promozionale del 2% per chi vincola delle somme per sei mesi): in alcuni casi, visto che le caratteristiche dei conti possono assomigliarsi tanto, questi dettagli possono fare la differenza. La scelta è ampia e per individuare il conto online gratis migliore o più adatto alle proprie necessità è quindi necessario fare un attento confronto.

Dove aprire un conto corrente

Come scegliere la nostra nuova banca? Quali sono gli aspetti da considerare per decidere dove aprire un conto corrente? Per individuare la soluzione più conveniente bisogna innanzi tutto capire quali sono le proprie esigenze e poi valutare alcune caratteristiche dei vari istituti di credito e dei prodotti che offrono (costi, rendimenti e qualità dei servizi). Continua a leggere Dove aprire un conto corrente

Qual’è il miglior conto corrente?

Fino a non molti anni fa quando una persona doveva aprire un nuovo conto corrente inseriva tra i più importanti parametri di scelta la vicinanza della filiale della banca a casa sua: oggi le cose sono notevolmente cambiate, visto che c’è la possibilità non solo di conoscere nuovi istituti, ma anche di aprire un conto direttamente dal proprio computer o smartphone; queste nuove opportunità rappresentano senza dubbio un grande passo in avanti, ma le alternative sono talmente tante che a volte non è facile capire qual è il miglior conto corrente. Continua a leggere Qual’è il miglior conto corrente?

Come aprire un conto corrente postale

Ormai da qualche anno anche Poste Italiane mette a disposizione dei propri clienti quei servizi che prima erano di competenza esclusiva delle banche: in questa piccola guida vedremo come aprire un conto corrente postale, quali sono le possibili opzioni disponibili e quali sono i motivi per cui si dovrebbe scegliere di affidarsi proprio a Poste Italiane. Continua a leggere Come aprire un conto corrente postale

Chi eredita il conto corrente?

Purtroppo quando muore un parente la burocrazia non lascia molto tempo alle emozioni: appena viene a conoscenza della morte del titolare di un conto corrente la banca procede infatti con il congelamento del conto stesso finché gli eredi non avranno compiuto una serie di formalità; ma chi eredita il conto corrente? E cosa deve fare per poter disporre delle somme che vi sono depositate? Continua a leggere Chi eredita il conto corrente?

Quali sono le migliori banche italiane

Non si può certo dire che l’ultimo periodo sia stato particolarmente positivo per l’opinione generale che hanno le persone dell’intero sistema bancario del Bel Paese: sono tanti i cittadini che, sulla scia delle notizie relative ai problemi avuti dai clienti di alcuni istituti di credito in netta crisi, hanno iniziato a chiedersi se i loro risparmi sono al sicuro; cerchiamo di capire quali sono le migliori banche italiane in base ad alcuni importanti parametri. Continua a leggere Quali sono le migliori banche italiane

Conto correnti a confronto: cosa guardare?

Il conto corrente è diventato uno strumento praticamente indispensabile: aprendone uno è possibile depositare i propri risparmi in banca ed usufruire di una serie più o meno lunga di servizi; decidere a quale banca affidarsi e scegliere il prodotto migliore per le nostre esigenze per non è sempre facile visto l’enorme numero di opzioni disponibili, quindi bisogna capire cosa guardare quando si mettono i conti correnti a confronto. Continua a leggere Conto correnti a confronto: cosa guardare?